La Zeolite

POSTED BY admin | Mag, 10, 2018 |

La Zeolite e’ una pietra di origine vulcanica, la sua formazione e’ data dall’unione tra fuoco (lava vulcanica) e acqua (mare). L’associazione di questi due elementi la rende interessante per le sue proprietà’ di assorbimento, radioprotezione, decontaminazione, disintossicazione e disinfezione nel corpo umano, ma ha anche il vantaggio di introdurre in modo selettivo e nel giusto dosaggio, dei minerali necessari alla vita umana.

La Zeolite, rilasciando all’organismo oligoelementi e minerali aiuta il corpo a reminaralizzarlo, deacidificarlo, disintossicarlo e snellirlo.

Questo minerale, nel suo viaggio lungo il canale digestivo assorbe sostanze nocive come: metalli pesanti, radionuclidi, sostanze chimiche provenienti dai cibi a dalle medicine, virus, batteri, funghi e loro tossine, tossine fermentative che derivano da una alimentazione scorretta e da una flora batterica intestinale in disequilibrio ed eccessi di acidità nell’organismo.

A CHI SERVE:
A TUTTI: elimina dall’organismo i metalli pesanti, pesticidi e smog presenti nei cibi e nell’aria. AGLI SPORTIVI: viene usati in sinergia con altri principi attivi per ridurre l’acidosi lattica e aumentare la resistenza ed il recupero.
AI MENAGER DI OGNI ETA’ E SESSO; LAVORATORI; IMPRENDITORI; STUDENTI: aiuta ad aumentare la concentrazione e a ridurre lo stress ossidativi e stanchezza.
AGLI ANZIANI; CONVALESCENTI E PERSONE SOTTOPOSTE A STRESS: favorisce la riduzione di stress e stanchezza aiutando a superare affaticamento e debolezza con risorse proprie e naturali.
A CHI HA ELEVATO STRESS OSSIDATIVO: la riduzione di stress ossidativi data dall’assunzione di zeolite aiuta a ridurre l’insorgenza di molte patologie (prevenzione) e migliora la qualità’ della vita.
AI PAZIENTI SOTTO CHEMIOTERAPIA: per eliminare gli effetti collaterali.

PROPRIETÀ DELLA ZEOLITE
Depurante: assorbe tossine, metalli pesanti, e prodotti chimici, allontanandoli dall’organismo.

Antiossidante: neutralizza i radicali liberi

Alcalinizzante: contribuisce attivamente al mantenimento dell’equilibrio fisiologico

Migliora le prestazioni mentali, ma anche fisiche

E’ un’alleato della pelle: allevia acne, psoriasi ed eczemi, dermatiti e gonfiori

Immunostimolante

Supporto al tratto gastrointestinale: regola il metabolismo, migliora la digestione e contrasta gastriti e ulcere.

Aumenta la fertilità

Antitumorale: potenzia l’attività di chemio e radioterapia; al contempo indebolisce le cellule tumorali

Ma il vantaggio più grande della Zeolite è che questo minerale non viene assorbito dal tratto gastro-intestinale, pertanto non è tossico. Essa semplicemente riduce la presenza di elementi dannosi nell’organismo (azione disintossicante e protettiva) e evita l’assorbimento di questi elementi dannosi da parte dei tessuti (azione preventiva)

CONTROINDICAZIONI DELLA ZEOLITE
Non sembrano esserci particolari controindicazioni riguardo l’assunzione di zeolite, minerale che viene definito atossico, non assorbito dal tratto gastro-intestinale; tuttavia le persone molto sensibili potrebbero avere reazioni di tipo nervoso, mal di testa o nausea, essendo appunto una cura chelante, che libera da tossine e apporta comunque modifiche interne all’organismo.L’altra accortezza da tenere presente è che va fatta in modo graduale, bevendo anche molta acqua, poichè il potere assorbente della zeolite potrebbe originare qualche problema di stitichezza.

DOVE SI TROVA LA ZEOLITE E CURIOSITÀ
Il processo di zeolitizzazione, ovvero della trasformazione di rocce in zeoliti, è frequente in regioni soggette ad antiche attività vulcaniche, come le regioni di Paratunka e Pauzhetka in Kamchatka, e zone particolari in Nuova Zelanda e in Islanda. L’unica miniera di zeolite in Italia, presente in Toscana tra Sorano e Pitigliano, è in provincia di Grosseto.

L’uso della zeolite come additivo alimentare è stato autorizzato in Giappone sin dal 1996, dove si è visto che l’aggiunta di zeolite comportava un maggiore valore nutritivo degli alimenti e minori disturbi digestivi. Dal 1998 ad oggi si sono registrati una quarantina di brevetti utilizzati in campo medico.

La zeolite fu utilizzata anche ad Hiroshima e Nagasaki, in seguito a Chernobyl, per aiutare le persone colpite da radiazioni. In tempi più recenti è stata utilizzata per ripulire il mare dalle radiazioni in seguito al disastro di Fukushima.

E’ consigliato assumere la Zeolite 30 minuti prima o dopo i pasti con molta acqua, se rimane della polvere sul fondo del bicchiere va aggiunta altra acqua

TAGS : Zeolite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *